Prodotti a base di lecitina: lecitina di soia e Phospholipon 80H come emulsionanti

[English version]

Le ultime settimane le ho passate sperimentando con emulsioni ed emulsionanti, perché la mia pelle ha deciso di cambiare le proprie esigenze e quindi sono alla ricerca di un nuovo tipo di prodotto adatto a me. 

Ho sempre usato emulsioni a base di metilglucosio sesquistearato, ma ultimamente mi risultano un po‘ cerose, quindi mi sono messa alla ricerca di qualcosa di idratante e nutriente ma allo stesso tempo leggero. Mi piacciono gli idrogel e in particolare la mia ultima versione del tonico in gel, ma mi piacciono anche i fluidi e le creme, quindi… ho deciso di fare qualche tentativo con la lecitina e i suoi derivati.

Formule in questo articolo:

Con il nome „lecitina“ in realtà si racchiude un gruppo di sostanze che troviamo naturalmente nel tuorlo d‘uovo, nei fagioli di soia, nell‘olio di colza e nell‘olio di girasole. Queste molecole sono anfifiliche: hanno una parte idrofila e una coda idrofoba. Questo significa che… sono tensioattivi! Ecco perché i grandi esperti di capelli lunghissimi e cura naturale dei capelli fanno talvolta lo shampoo con l’uovo: funziona perfettamente, perché la lecitina è un tensioattivo ed è in grado di lavare i capelli portandosi via lo sporco. 

La lecitina consiste principalmente di glicerofosfolipidi, tra i quali il più presente è la fosfatidilcolina (PC)., La PC è in grado di formare liposomi, bilayer, micelle e strutture lamellari in soluzioni acquose. Come tutti gli altri tensioattivi, è in grado di interagire con acqua e oli e tenere insieme le fasi acquose ed oleose, agendo cioè da emulsionante.

Potete trovare la lecitina e i suoi derivati sotto diverse forme. Ad esempio, la lecitina di soia o di girasole si trova di solito in forma granulare e la trovate anche al supermercato, essendo utilizzata come integratore alimentare. È un granulato venduto in grossi barattoli e non costa molto. Ho pagato il mio barattolo da 500g intorno agli 8€. 

Ma trovate anche derivati della lecitina un po’ più performanti e specifici per la formulazione cosmetica presso i fornitori di materie prime, come ad esempio la lisolecitina e la lecitina idrogenata (Phospholipon 80H). I tedeschi adorano il Phospholipon 80H, di conseguenza lo troverete principalmente presso i fornitori tedeschi (es. Dragonspice). 

Che differenza c’è tra la lecitina granulare e il Phospholipon 80H? In pratica, la quantità di PC nel Phospholipon 80H è molto più alta rispetto alla lecitina „grezza“ in granuli, quindi per emulsionare una crema serve una percentuale minore di Phospholipon 80H rispetto alla lecitina granulare. Si tratta cioè di una sorta di PC purificata e a parte funzionare a meraviglia come emulsionante, non ha l’odore forte tipico della lecitina e le sue emulsioni sono stabili e mantengono una bella texture anche in presenza di diverse combinazioni di attivi (mentre le emulsioni fatte con la lecitina granulare tendono a diventare un po’ budinose se non addirittura a separarsi). 

Dopo settimane di esperimenti, posso consigliarvi di usarli in questo modo:

  • Lecitina grezza (granulare): percentuale d’uso da 6 a 12%, usatela in fluidi e detergenti in crema molto semplici in cui non aggiungerete molti attivi idratanti nella fase a freddo.
  • Phospholipon 80H: percentuale d’uso da 0,5 a 3% insieme a sucrose stearate 0,5-1%; usatelo in creme e fluidi dove volete giocare di più con gli ingredienti funzionali. 

Formule base con lecitina granulare

Linee guida generali

  • La lecitina granulare si inserisce nella fase acquosa. Vi consiglio di aggiungere gli ingredienti della fase acquosa nel seguente ordine: glicerina, gomma xantana (o altro gelificante – anche la gomma guar va bene), mescolare bene per disperdere il gelificante nella glicerina, poi aggiungete i granuli di lecitina e infine l‘acqua.
  • Mettete la fase acquosa a scaldare a bagnomaria mentre preparate la fase grassa.
  • Una volta che fase acquosa e fase grassa sono calde (e la fase grassa è completamente sciolta), frullate velocemente la fase acquosa con il minipimer per rompere i granuli di lecitina. 
  • Per emulsionare, aggiungete la fase acquosa alla fase grassa mentre mescolate, poi frullate con il frullatore ad immersione. Da qui in poi procedete come nella procedura base per le creme.

Fluido con 4% grassi

A: Fase acquosa%
Acqua82,6
Glicerina4
Gomma xanthana0,4
Lecitina granulare6
B: Fase grassa%
Fattori di consistenza1,5
Burri1
Emollienti liquidi3
C: cool down%
Benzyl alcohol/dehydroacetic acid0,5
Potassium sorbate 20% soluzione1

Fluido con 15% grassi

A: Fase acquosa%
Acqua69,6
Glicerina 4
Gomma xanthana0,4
Lecitina granulare8
B: Fase grassa%
Fattori di consistenza1,5
Burri1
Emollienti liquidi14
C: cool down%
Benzyl alcohol/dehydroacetic acid0,5
Potassium sorbate 20% soluzione1

Crema con 15% grassi

A: Fase acquosa%
Acqua66,1
Glicerina4
Gomma xanthana0,4
Lecitina granulare10
B: Fase grassa%
Fattori di consistenza3
Burri2
Emollienti liquidi13
C: cool down%
Benzyl alcohol/dehydroacetic acid0,5
Potassium sorbate 20% soluzione1

Crema con 28% grassi

Crema con 28% grassi

A: Fase acquosa%
Acqua51,1
Glicerina4
Gomma xanthana0,4
Lecitina granulare12
B: Fase grassa%
Fattori di consistenza3
Burri2
Emollienti liquidi26
C: cool down%
Benzyl alcohol/dehydroacetic acid0,5
Potassium sorbate 20% soluzione1

Fluido detergente con 5% grassi e 6,6% sostanza attiva lavante

Fluido detergente con 5% grassi e 6,6% sostanza attiva lavante

A: Fase acquosa%
Acqua68,1
Glicerina7
Gomma xanthana0,4
Lecitina granulare6
B: Fase grassa%
Sucrose cocoate4
Coco glucoside8
Emollienti liquidi5
C: cool down%
Benzyl alcohol/dehydroacetic acid0,5
Potassium sorbate 20% soluzione1

Formule dettagliate

Con lecitina granulare

Fluido con ceramidi (4% grassi)

A: Fase acquosa%
Acqua66,25
Allantoina0,35
Glicerina4
Gomma xanthana0,4
Lecitina granulare6
B: Fase grassa%
Alcol cetilico0,5
Cetyl palmitato1
Burro di karité1
Tocopheryl acetato0,5
Olio di vinacciolo1
Squalano1
D: cool down phase (idrofoba)%
Olio di canapa0,5
Barriereschutzbasis*2
D: cool down phase (idrofila)%
Panthenol 75% soluzione3
Benzyl alcohol/dehydroacetic acid0,5
Potassium sorbate 20% soluzione1
Sodium lactate 60% soluzione2
Sodium PCA3
Liposomi (acido ialuronico)3
Liposomi (vitamine)3

*Barriereschutzbasis: vedi questo articolo.

Come saprete se avete letto i miei articoli sulla nanotecnologia nei cosmetici, ritengo l’utilizzo dei liposomi nei cosmetici autoprodotti abbastanza inutile. Tuttavia, in questo caso sono utili dal punto di vista formulativo: come scritto più su, le emulsioni a base di lecitina granulare tendono ad assumere una consistenza budinosa e non più liscia quando si iniziano ad accumulare ingredienti funzionali. Tra gli ingredienti funzionali che causano questo effetto, ho notato che c‘è proprio l‘acido ialuronico. Ciò non succede usando i liposomi, che sono essenzialmente una miscela di PC (quindi compatibilissima con la lecitina) e un po’ – probabilmente pochissimo – acido ialuronico. 

Altri attivi che vi consiglio di evitare sono urea e niacinamide.

Detergente viso (5% grassi, 6,6% sostanza attiva lavante)

A: Fase acquosa%
Acqua58,1
Glicerina7
Gomma guar0,4
Lecitina granulare6
B: Fase grassa%
Sucrose cocoate4
Coco glucoside8
Olio di colza5
Estratto di Salix Nigra (Willow) Bark (10% acido salicilico)*10
Benzyl alcohol/dehydroacetic acid0,5
Potassium sorbate 20% soluzione1

*Attenzione: questo non è acido salicilico puro. Quello che ho usato è l’ingrediente funzionale venduto come „acido salicilico“ da Aroma Zone. Ricordate che si tratta di un estratto di Salix nigra che a quanto dichiarano contiene 10% di acido salicilico.

Questa preparazione non necessita di riscaldamento. Preparate la fase acquosa e lasciatela da parte a temperatura ambiente per un po‘, per consentire ai granuli di lecitina di idratarsi. Poi frullate velocemente con il minipimer per rompere i granuli, e infine aggiungete il resto degli ingredienti e frullate di nuovo.

Con Phospholipon 80H

Crema viso (15% grassi)

Crema viso (15% grassi)

A: Fase acquosa%
Acqua64,6
Glicerina4
Gomma xanthana0,4
B: Fase grassa%
Phospholipon 80H3
Sucrose stearate1
Alcol cetilico1
Cetyl palmitato2
Burro di karité2
Tocopheryl acetato1
Olio di vinacciolo3,5
Squalano1
Olio di argan3,5
Olio di oliva2
D: cool down (idrofoba)%
Olio di canapa2
E: cool down (idrofila)%
Sodium lactate 60% soluzione5
Urea2
Sodium lactate/lactic acid buffer pH 4 (0,2 M, 0,1 M)2
Sodium PCA3
Sodium hyaluronate 1% soluzione5
Benzyl alcohol/dehydroacetic acid0,5
Potassium sorbate 20% soluzione1

Fluido contorno occhi

A: Fase acquosa%
Acqua76,1
Caffeina1,5
Glicerina4
Gomma xanthana0,4
B: Fase grassa%
Phospholipon 80H0,5
Sucrose Stearate1
Tocopheryl acetato1
Olio di jojoba1
Dicaprylyl ether1
Squalano1
Olio di argan2
C: cool down (idrofoba)%
Calendula officinalis oleolito1
Matricaria chamomilla oleolito1
Olio di rosa mosqueta1
D: cool down (idrofila)%
Sodium hyaluronate 1% soluzione5
Sodium PCA1
Benzyl alcohol/dehydroacetic acid0,5
Potassium sorbate 20% soluzione1

Crema struccante

Crema struccante

A: Fase acquosa%
Acqua63,6
Sucrose stearate2,5
Sucrose cocoate1
Glicerina8
Gomma xanthana0,4
B: Fase grassa%
Phospholipon 80H1
Burro di karité4
Caprylico-caprico triglyceridi4
Olio di vinacciolo4
C: cool down%
Calendula officinalis oleolito5
Matricaria chamomilla oleolito5
Benzyl alcohol/dehydroacetic acid0,5
Potassium sorbate 20% soluzione1
Advertisement

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s